com’è fatto un piano editoriale

Per me le immagini con licenza gratuita di Unsplash sono stupende. Ci posso trovare la foto che ispira, allude e insieme affascina perché ha un che di artistico. E a volte informa. Quella che ho messo in evidenza per questo post mostra il CALENDRIER DE l’avent géant che il CENTRE POMPIDOU ha allestito nel 2009 sulla sua rue Rue Beaubourg 19 a Parigi.

Non è l’immagine più esplicita col mese X pieno di note, non è neanche troppo lontana dall’oggetto del post.

Oggi scrivo qualcosa a proposito del calendario editoriale che ti supporta nella stesura dei contenuti destinati al web; una pianificazione che funge anche da archivio e che ci permette di non essere ripetitivi.

Possiamo usare un’agenda cartacea, google calendar o app specifiche (come Trello, Asana, Taiga, Hootsuite).

Prima di ogni cosa dobbiamo STUDIARE il target cioè TROVARE IL SEGMENTO di mercato a cui ci rivolgiamo {profilo socio-demografico (sesso, età, cultura, ceto sociale, reddito, zona di residenza…); abitudini di acquisto (dove, cosa compra e con quale frequenza, quanto spende); atteggiamenti psicologici (qual è il suo stile di vita, quali ‘etichette’ possiamo dargli)}.

POI SEGUIAMO ALCUNE REGOLE BASILARI.

-MIXIAMO i temi da affrontare-

che devono poter:

1/3

AIUTARE il nostro pubblico a capire che ha bisogno del nostro prodotto/servizio; PROMUOVERLO PER PRODURRE AWARENESS

1/3

INTRATTENERE il nostro pubblico con con sondaggi e interazioni personali, rispondere ai commenti.

1/3

INFORMARE con contenuti esterni ma in linea con i nostri temi (articoli di approfondimento, video e notizie di settore,contenuti generati da altri utenti)

Rimane utile avvalersi di mappe concettuali per trovare idee meno inflazionate, per creare link e rimandi in modo da arricchire il post con una piccola dose di crossmedialità.

-ADATTIAMO i contenuti ALLA PIATTAFORMA-

Non usare lo stesso testo per tutti i social, CAMBIAMO LE DIDASCALIE.

-SIAMO COSTANTI nella pubblicazione-

Gli orari per pubblicare i post dipendono molto dal target di riferimento, dalla sua ipotetica routine. Più generalmente siamo tutti sui social tra le 7:30 e le 9, prima di andare a lavoro; potremmo poi concederci sbirciatine di 5 minuti durante la pausa di metà mattino o di 15 minuti durante il pranzo quindi tra le 12 e le 13; aggiornamento dopo le 19. Se il tuo target è una mamma, hai più chance di trovarla collegata dopo le 22 che ha messo a letto i pargoli. Se punti agli autisti di tram dovrai conoscere gli orari delle loro turnazioni. E così via, puoi essere più generalista con gli orari o dettagliato se vuoi colpire un cliente ben definito.

Per oggi mettiamo il punto a questo articolo.

Educazione all’immagine

Prima era l’ora di ARTE, storia e tecniche. Oggi è CONDURRE FUORI DAL BAMBINO LA SUA CAPACITà DI DARE UN SIGNIFICATO ALL’IMMAGINE che ha di fronte; così capire come apprende e permettergli di esprimersi attraverso la creatività. Quindi esercitare tale potenziale creativo, facendogli conoscere gli strumenti, le modalità e chi prima di lui ha messo se stesso in un’opera d’arte.

Il concetto di IMMAGINE comprende quello di arte e si completa poi di tante altre espressioni visive: pubblicità, editoria, albi illustrati, segnaletica, iconografia, doodle, infografiche, etc. Sappiamo che oggi ricorriamo alle immagini per sintetizzare concetti e tempistiche più di ieri. Sappiamo poi che l’arte attuale si compone di installazioni e performance, che non hanno a che fare coi pennelli e le tempere bensì con le idee.

Diciamo anche che per noi l’arte ha un significato tradizionale di eccellenza pratica, così come l’artista è qualcuno che possiede un talento non alla portata di tutti.

Eppure tutto il visivo che ci circonda ha come obiettivo quello di comunicarci qualcosa, non solo l’arte. Ecco perché ormai la nostra scuola, che è molto più psicologica e attenta alle sfumature di quanto lo fosse ieri, ha nel suo programma EDUCAZIONE ALL’IMMAGINE e non arte. Nonostante la rilevanza crescente dell’imago nel nostro presente, questa disciplina continua ad avere poco spazio nell’orario settimanale: un’ora alla primaria ad esempio. Beh, è pur vero che si fanno disegni con molta frequenza durante le altre ore di lezione… ma ovviamente non è quello educazione all’immagine.

L’obiettivo di questa disciplina è sviluppare le capacità logico-cognitive dei ragazzi, la loro coscienza critica e interpretativa per poter usare le immagini nella loro valenza obiettiva e/o più emotiva. Supportarli nello sviluppo della loro personalità perché si chiede loro di comunicare se stessi, comprendere e accettare le idee degli altri e, così, migliorare la loro EMPATIA, concetto centrale nella scuola delineata dalla Comunità Europea (le otto competenze chiave del 2006).

Certo, l’esercizio creativo migliorerà anche il loro gusto estetico e la loro manualità.

L’ora di educazione all’immagine è un laboratorio sul colore, sullo spazio, sulle forme, sulla materia, sulla luce e sul movimento.

Tutto il preambolo per dirvi che ho iniziato! Quest’anno ho scelto una scuola a due km da casa e un orario di lavoro ridimensionato.

Unirò la docenza alla comunicazione, percorrerò il doppio binario… yeah

Una settimana decisiva

Questo mercoledì è fatidico. L’ansia mi gira intorno come una zanzara che un po’ mi lascia tranquilla e poi PIC, mi punge e mi assale il prurito. Il problema è la maternità: conciliare se stesse e la voglia di far star bene i bimbi.

Ho pochi giorni per ultimare MR BIMBO E IL GRAFICETTARIO, prima che il mio lavoro si assesti su nuovi orari e necessità. Devo farcela!

Vi spiego il progetto nato l’anno scorso in questo stesso periodo; poi ho iniziato a fare la maestra e l’ho accantonato. Ma IO CI CREDO: sarà un libricino 21x21cm, con pagine di interazione e una decina di ricette illustrate, una narrazione semplice in prima persona, medaglie da ritagliare e appiccicare e una sorpresa, che come l’ingrediente segreto, non voglio svelare!

★SARà UN OTTIMO REGALO PER NATALE★

Vi mostro una bozza della copertina:

Ok, l’ho fatto io e ogni scarrafone…

ma giuro che imparare a usarlo è semplice e continuare a usarlo veloce!

Non penso di essere l’unica a ritornare a leggere il testo della ricetta o rivederne il video più e più volte durante la preparazione. Invece, col Graficettario, la ricetta è tutta lì, IN UNA PAGINA, non ti mette soggezione con foto di risultati impeccabili, non devi usare l’indice infarinato per voltare pagina o zoomare. Poi, diciamoci la verità, NONOSTANTE LE PICTURES STEP-BY-STEP, tante ricette a me non escono a prima botta, che sia solo nell’aspetto o in toto.

Perché non dedicare un Graficettario solo ai bambini, vi starete chiedendo.☻ Lo sto facendo, aggiungendo un pizzico di interattività per loro che amano lasciare la propria firma un po’ ovunque.

Il packaging è in fase di definizione, vorrei optare per della carta riciclata, un cordino e una grande label. Soprattutto vorrei inserire all’interno una sorpresa!

Cosa ne pensate?

I social media sono imprescindibili,

perché significa per il tuo brand o prodotto essere inseriti nel flusso delle comunicazioni giornaliere dei tuoi possibili clienti. Dalla chiacchierata al bar a quella su Facebook, con la differenza della frequenza e della velocità, oltre che della modalità (in presenza la prima, a distanza la seconda). Sui social non esiste jet leg, non ci sono boundaries e puoi intrufolarti nelle conversazioni, pubbliche, di ogni persona del mondo. Radio, telefono e televisione hanno reso possibile nello scorso secolo il fiorire della TELECOMUNICAZIONE (dove tele sta per lontano e dove c’è la massa).

Studiosi contemporanei fanno notare come il cambiamento nella modalità comunicazione corrisponda allo sviluppo culturale, sociale ed economico dell’umanità (cfr. Abruzzese, Mancini, 2007).

Volete convincervi del potere dei social media oggi? Quelli di Hootsuite, un tool per fare social media marketing, redaggono annualmente un report sulla situazione digitale nel mondo e nel dettaglio per ogni nazione. Dal report del 2020 è emerso, ad esempio, che il 73% dei dati viene condiviso tramite smartphone, il 4% via tablet e pc;

che in Italia ci sono 60 milioni di residenti, 80 milioni di smartphone, 50 milioni di utenti connessi, dei quali 35 milioni attivi sui social, che spendono circa sei ore al giorno su internet.

Comunicazione visiva

è tutto ciò che arriva a noi attraverso un segno grafico. Che non sia testuale.

è stato calcolato che le esperienze visive sono 3-4 volte più efficaci di quelle uditive e che quelle audiovisive sono 2 volte più efficaci di quelle esclusivamente visive. (A. Oliverio). In quanto uomini disponiamo di una massiccia memoria iconica, da bambini soprattutto ( solo dopo i 7 anni di età siamo in grado di usare più o meno allo stesso modo immagini e testo, codice visivo e codice verbale). La visione è il senso che sviluppiamo maggiormente e diverse aree del cervello sono deputate all’elaborazione degli stimoli visivi a partire dal talamo e dalla corteccia striata. Nella vista il cervello mette insieme una serie di immagini dello stesso oggetto “scattate” una dietro l’altra dalla retina, permettendoci di vedere l’oggetto e anche di ‘anticiparci’ come lo vedremo negli istanti successivi (da larepubblica.it).

Scintificismi a parte, l’immagine viene percepita in maniera più istantanea e, a questa fase che è prettamente sensoriale, segue alla stessa maggiore velocità, quella di significazione.

Ora, comunicare attraverso l’illustrazione, il segno grafico e le foto velocizza il messaggio; completa il testo e lo fornisce di un potere iconico attraverso il quale possiamo immagazzinare quei dati e poi reperirli con più facilità. Questo in basso ne è l’esempio: una delle pagine del maxi pdf visivo che sto realizzando per sintetizzare il materiale di studio per il concorso docenti.

    Pensiamo sempre, poi, che la nostra contemporaneità è immersa nelle immagini, per cui siamo sempre più allenati a percepirle e recepirle. Il testo è più faticoso, ha durata maggiore. Tutti noi, solitamente, quando siamo di fronte a un testo regolativo ad esempio, cerchiamo una scorciatoia visiva che ci faccia arrivare prima al significato. Pensiamo alle istruzioni dei mobili Ikea: immaginate al posto dei disegnini che mostrano le istruzioni per il montaggio in quattr’e quattr’otto, dei lunghi testi dal carattere piccolo, rinuncereste all’acquisto. O prendete il giornale per amanti del cucito Burda: io sto lì mezz’ora a leggere e rileggere l’operazione da fare ma tra tecnicismi e grigiume delle pagine mi passa la voglia di imparare. Oppure le ricette video: ma quanto semplificano ogni tipo di preparazione?

    Insomma puntare sulle immagine per farsi capire e seguire da quante più persone. Prima il visivo, che cattura, poi il testuale, che appassiona.

    Scopri le opportunità per il tuo business!

    Buongiorno gente.

    Sono le 7:44 del giorno in cui i miei genitori fanno 38 anni di matrimonio. Io ne ho 37 di anni, compiuti due mesi e due giorni fa, festeggiati in auto durante il viaggio di andata per l’Abruzzo coi miei bimbi e mio marito alla guida. Torino è la nostra città da otto anni: ci siamo arrivati dopo l’Università e ci siamo impiantati bene, tanto che l’unica cosa che ci fa stortire le labbra è la lunga distanza dai nonni (cioè domenica con polpette e pasta fresca, babysitter gratis e asap, affetto dosato in porzioni di tempo limitate e non full immersion dei mesi estivi, tanti altri validi motivi…)

    Io e i bimbi lasciamo sempre il papà disperatamente solo a godersi il post-lavoro e i weekend (ovvero tv sul divano senza schiamazzi, uscire da un lunga doccia ovattata e camminare nel silenzio, se ci esce una partitina o un aperitivo amatoriale coi colleghi senza il fiato sul collo, muoversi in casa senza constatarne con ira il disordine…) per tutto il mese di luglio, visto che il mio lavoro lo permette.

    Proprio qui volevo giungere per dirvi che questo blog parlerà del mio lavoro, che attualmente consta di due metà, non necessariamente destinate a baciarsi come la mela di Platone, ma, secondo me, decisamente confidenti.

    Insomma ho studiato per lavorare nella comunicazione, nella creazione di contenuti, siano essi visuali o testuali; è successo poi di aver, in ritardo, scoperto di poter insegnare e sono quasi sicura che la parte docente in me ci sia sempre stata, una radice in profondità.

    Per cui questo diario è indirizzato:

    • a chi cerca un supporto tecnico per lo sviluppo del proprio brand/business (cioè logo design e immagine coordinata, illustrazioni customizzate, packaging e promozione);
    • a chi si lascia incuriosire dagli eventi della mia classe che riporterò sul diario per analizzare dinamiche e problematiche, proponendo al contempo materiali da stampare e non, gratuiti e non.

    Spero di essere costante e di destreggiarmi senza esaurimento collaterale tra lavoro-casa-figli.blog. Perchè è quello che voglio. Non ho mai pensato di realizzarmi con la sola maternità, che ho tanto desiderato e i miei bimbi sono stupendi (certo eliminando quei momenti imprescindibili della giornata in cui frignano, piangono, bisticciano, ti spezzano le connessioni nervose).

    Mi sembra di aver trovato il mio percorso lavorativo, la strada era nascosta dalle fronde degli alberi piegati su stessi, il sole sorge a est ed essi si svolgono, tornando ritti, puntando al cielo le foglie, lasciando libero il sentiero.

    Aspetto i vostri commenti e le vostre proposte!

    La scoperta.

    Certo, l’insegnamento è il lavoro perfetto per una mamma, hai i tempi dei tuoi figli e puoi seguirli meglio. Se riesci, puoi portare avanti un secondo lavoro o hobby che ti entusiasmano (magari quando i bimbi iniziano le medie…aaagh!) Io ci proverò da subito, perché una buona parte della mia produzione grafica è premade – loghi, inviti, stampe, template – e la restante parte la decido io, quindi valuto l’orario da dedicare al cliente in base al lavoro da svolgere e alle ore disponibili che mi restano nella giornata.

    Per me, davvero, l’insegnamento non è un ripiego. Ho bimbi piccoli e so cosa vorrei per loro dalla scuola, constato ogni giorno da genitore la facilità con cui formiamo il loro modo di essere, di credere, di vedere le cose, di impegnarsi, di sperare; riflettono il nostro stato d’animo, quindi il nostro sorriso ed entusiasmo nel fare o la nostra noncuranza nel non-fare. E poi ovviamente, sono stata studente e ricordo perfettamente gli insegnanti che mi hanno colpito e quelli che ho denigrato insieme alla classe, oppure le colpe di una scuola che, ad esempio, non usava per nulla il potere del cinema, dei film storici, per aiutarci a visualizzare la storia e a sentirla sulla pelle, invece che leggerla solo per memorizzarla.

    Attualmente insegno alla primaria, ho avuto la mia prima classe lo scorso ottobre: una quinta vivace, dentro c’erano quasi tutte le tipologie possibili d’alunno dal punto di vista della didattica. Se nei primi giorni il mio cruccio principale era nozionistico (avevo chiuso con greci e romani nel 1998), per il resto dell’anno è rimasto l’intoppo fondamentale per ogni insegnante, quello relazionale. Inutile dire che oggi so meglio chi-cosa-come rispetto alla me di dodici mesi fa. Ho fatto esperienza; so anche come voglio insegnare. Negli States, e probabilmente in molti altrove, ogni docente si riconosce in uno stile di insegnamento ben caratterizzato.

    Il mio progetto personale prevede lo sbarco al grado superiore dopo i miei quaranta, e soprattutto dopo un ripasso/studio approfondito e calmo per la cdc in filosofia e scienze umane; questo per far fruttare la mia specialistica.

    Devo riportare il mio cervello al suo assetto di diciassette anni fa: era il 2010 quando mi laureai a Perugia, una ragazzina (Gulp! ). Quante cose ha cancellato per far posto alle nuove fondamentali informazioni circa acquisto prima casa, muri portanti, bonus mobili, calcolo millesimale, svezzamento, spannolinamento, primi passi/denti, cameretta o lettone?, e tanti etcetera e senza contare la stanchezza che l’arrivo dei figli porta in te e che distrugge diverse migliaia di sinapsi.

    Il fatto buono è che dovrei trovare il tempo per studiare tanta roba e poter partecipare al concorso scuola in dirittura d’arrivo, roba che sto schematizzando per benino a mo’ di infografica poiché il mio stile d’apprendimento è visuo-verbale e il mio stile cognitivo è induttivo e divergente.

    Ho scoperto di poter insegnare casualmente, durante una chiacchierata tra mamme al parco.